IL GIORNALE CHE GUARDA AL FUTURO
info@adventusnews.it
Redazione: 22/12/2020 08:40:00

Nuove solitudini nuove povertà

C'è uno scenario allarmante in una Milano che attraversa la soglia della povertà con nuovi poveri

di Rosanna Favulli

Papa Francesco ci dice: “L’attuale pandemia e il cambiamento climatico, che hanno una rilevanza non solo ambientale ma anche etica, sociale, economica e politica, incidono soprattutto sulla vita dei più poveri e fragili”.

È emerso che non ci sono nuove povertà ma nuovi poveri, ad aggiungersi ai già conosciuti, una sensibilità ed una emergenza emersa per un video virale di persone in “coda” davanti al Pane Quotidiano. Ma cosa è la povertà? Non è facile fornire una definizione del concetto in forma semplicistica. La povertà è, senz’altro, la mancanza di qualcosa di importante, e, talvolta, di fondamentale nella vita di una donna e di un uomo, di un bambino e di un anziano, di un abile e di un diversamente abile, di una famiglia.

A Milano, e in Lombardia, siamo di fronte ad un processo di impoverimento ma anche di differenze che colpiscono la parte più fragile della società aumentandone anche le distanze e le diseguaglianze già presenti. L’emergenza nasce dalle cose non fatte, dalle cose non prese nella giusta considerazione, lasciate nel silenzio e senza risposte. Assistiamo ad un cambiamento anche di “cultura” della povertà; una cultura della “polis” che vede gli strumenti del welfare non del tutto pronti ad affrontare questa emergenza.

Dobbiamo, di conseguenza, avere una visione strutturale del problema in grado di immaginare politiche pubbliche per un diverso sviluppo sociale e non solo produttive, una serie di misure offerte in termini di contrasto alla povertà e alla solitudine, dell’assistenza agli anziani, della qualità della vita per i diversamente abili, della situazione occupazionale, dell’offerta sanitaria e dell’offerta educativa per l’infanzia.

Le “politiche sociali” hanno sempre più bisogno di soggetti capaci di fare sintesi, di ascoltare, elaborare e proporre. Serve competenza se si vuole intervenire in modo efficiente ed efficace, sia tecnicamente sia politicamente. Diventa decisivo costruire un sistema resiliente, sussidiario e di prossimità. L’azione di welfare, difatti, non può più essere indifferenziata, uguale per tutti, ma ha bisogno di contrastare queste diversità e di rispondere adeguatamente ai reali bisogni delle persone; una “presa in carico” che preveda anche Livelli essenziali delle prestazioni (LEP), perché i servizi sul territorio diventino performanti alle effettive esigenze del ben-essere.

Alla povertà, alla disabilità, al genere, alla religione, alla razza… si aggiunge un altro genere di povertà, ed è la solitudine. La mancanza di relazioni sociali o di deboli relazioni famigliari o di relazioni parentali distanti amplifica questo tipo di “povertà”. Diventa necessario rispondere anche a questi bisogni, responsabilizzando le persone e motivandole attivamente; serve operare sul concetto di “presa in carico” non solo attraverso il fattore reddituale (una persona anziana ricca ma sola rimane una persona sola). Diventa quindi fondamentale il Terzo Settore e il privato sociale che possono innovare e trovare nuove forme di sussidiarietà.

Gli enti del Terzo Settore sono strumenti di realizzazione di quella sussidiarietà orizzontale e verticale prevista esplicitamente dalla costituzione e sono parte molto. La Lombardia è in assoluto la regione con più soggetti e Milano è storicamente una città impegnata nel sociale, che vanta numerosi primati in questo settore, settore che a volte ha sostituito le istituzioni durante l’attuale pandemia.

Il volontariato infatti è il collante di una città che altrimenti sarebbe smarrita e la politica deve comprendere a fondo il ruolo del Terzo Settore e di tutte le terze parti, attraverso una sinergia se ci si vuole impegnare nelle politiche di un welfare di contrasto delle nuove povertà ma anche di servizi socio assistenziali. Una “cabina regia” che monitorizzi e anticipi le esigenze che questa sera sono emerse. “Nuovi poveri” quindi, che si aggiungono ai “già poveri” e presentano bisogni che attendono risposte immediate di inclusione sociale per evitare che la mancata risposta al presente precluda possibili soluzioni future. È in questa ottica che le istituzioni devono trovare nuove strade e nuovi percorsi di dialogo e confronto. È in quest’ottica che ognuno di noi deve responsabilizzarsi, anche con un piccolo gesto, un “come stai” detto con il cuore, una piccola attenzione verso il proprio vicino di casa, una telefonata ad una persona che sai che è sola… un… un… e il mondo sarà meno povero e meno solo.

Rosanna Favulli
Responsabile Commissione Welfare, Terzo Settore e politiche della Famiglia di Piattaforma Milano

Per informazioni:
info@piattaformamilano.it
www.piattaformamilano.it
https://wikimilano.it/wiki/Rosanna_Favulli

Aldo Moro
di Antonino Giannone

Il rapimento di Aldo Moro avvenne 43 anni fa il 16 marzo, a ...

di Lucia LoPalo

Jharia è il nome di una cittadina indiana che a ...

di Rosanna Favulli

Scrivere una storia è un modo per connettersi con ...

di Mariella Pezzoli

 Un mese d’azione, nel duplice campo del ...

vaccino covid
di Gerardo Maria Cinelli

“Vedrai che cambierà. Forse non sarà ...