Cookie policy

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy

Cookie necessari
Cookie Statistici
CSR Value
CSR Value
PER GUARDARE AL FUTURO
Redazione: 25/07/2022

SICUREZZA A MILANO : ANCORA NESSUN PASSO AVANTI

Sono passati diversi mesi da quando Piattaforma Milano denunciava con il manifesto “DALLA PROTESTA ALLA PROPOSTA la Sicurezza a Milano lo stato di insicurezza avvertito dai cittadini milanesi: ad oggi nessun passo avanti”.

di Rosanna Favulli

Da allora nulla è successo, anzi, é evidente un costante egresso; intere zone della città sembrano fuori dal controllo delle Forze dell’Ordine, le notizia di  violenze, furti ed atti vandalici sono all’ordine del giorno, tanto da riempire quotidianamente le pagine dei giornali, quasi con preoccupante monotonia. Molto significativa é la classifica dell’indice di criminalità pubblicata da  “Il Sole 24 Ore”: https://lab24.ilsole24ore.com/indice-della-criminalita/indexT.php dove Milano risulta prima in classifica per denunce di reati, furti e rapine per ogni 100.000 abitanti.

I continui furti, scippi, rapine e borseggi a danno di turisti, soprattutto stranieri, stanno offuscando l’immagine della nostra città, che vede nel turismo e nella propria internazionalità una importantissima voce del proprio bilancio.

Una situazione che crea disagio ed insicurezza in tutti, ma, che, al contrario, la politica sembra non avvertire, incapace di cercare le origini, cause e ragioni di tale fenomeno e, per tale ragione, incapace di trovare soluzioni efficaci.

È il caso di ricordare che l’unico richiamo al problema “sicurezza” che il Sindaco Beppe Sala ritenne di scrivere sul proprio manifesto elettorale (alla pagina 26 di 36 …) fu: “troppi milanesi dicono di non vedere più la sicurezza percorrere le nostre strade e i nostri cammini. Per questo, come è già stato dichiarato, faremo la nostra parte e abbiamo deciso di rafforzare significativamente la polizia urbana, assumendo non meno di 500 vigili”. Cosa potevamo pretendere di più?

Se questa era l’unica cura proposta per risolvere il problema di ordine sociale a Milano, ad oggi la Giunta non l’ha ancora attuata ed è inevitabile che la “malattia” si stia aggravando.

Lo scarso interesse di questa amministrazione al problema è di tutta evidenza. Basterebbe, per iniziare, instaurare, in via permanente, un confronto tra le forze dell’ordine, il mondo della giustizia, e soprattutto l’associazionismo e il terzo settore per tentare di individuare le problematiche sociali e sociologiche che sottendono il problema sicurezza per poi, sulla base di quanto andrà ad emergere, ricercare le più opportune e idonee soluzioni.

Piattaforma Milano aveva già evidenziato nel suo ultimo comunicato alcuni temi su cui discutere e formulare proposte concrete, azioni mirate, trovare soluzioni e, nonostante la sordità istituzionale, ritiene necessario ed opportuno riproporre ancora oggi i seguenti argomenti, in quanto da allora nulla è cambiato ma, anzi, molte cose sono peggiorate.

● Presenza sul territorio: la questione del pattugliamento delle zone da parte della Polizia Locale deve essere affrontato, ristabilendo la sicurezza nei quartieri e potenziando i nuclei radiomobile;

● Strumenti urbanistici: la vera sfida è sulla prevenzione.E’ necessario aumentare l'illuminazione delle vie, il numero e la portata delle telecamere, installare colonnine con punti di richieste soccorso.

● Corretto impiego della Polizia Locale: la Polizia Locale è eccessivamente parcellizzata, troppi agenti vengono distolti dalle importanti attività di presidio dei quartieri. Al fine di programmare interventi sul territorio mirati e indicizzati a seconda delle reali esigenze; vanno ripristinati i vigili di quartiere o di via, ed in numero adeguato alle nuove esigenze della città;

● Vigilanza sui mezzi pubblici: serve attivare dei servizi di vigilanza rafforzata sui mezzi pubblici per un controllo corretto sulla mobilità e prevenire la microcriminalità;

● Maggiore autonomia ai Municipi: i presidi dei municipi devono avere più autonomia per la gestione della sicurezza di concerto con le forze dell’ordine che devono essere una reale presenza sul territorio;

● Dialogo tra le parti: è necessario riprendere, nell’immediato, un tavolo tra il Comune di Milano ed i municipi con le forze dell’ordine, la prefettura, il mondo della giustizia, le terze parti e soprattutto l’associazionismo e il terzo settore coinvolto su questa tematica;

● Immigrazione irregolare: bisogna riprendere, con immediatezza da parte del Comune, la mappatura e l’intervento sulle aree a prevalenza straniera irregolare;

● Categorie a maggior rischio: occorre prestare grande attenzione agli anziani ed ai soggetti fragili, alla loro solitudine ed ai rischi a cui vanno incontro sia per la microcriminalità sia per la mobilità;

● Analisi: urge affrontare queste nuove forme di violenza senza sminuirne l'importanza e la specificità, è urgente e necessario per la sicurezza di tutti i cittadini, indipendentemente dal genere, dall’etnia e/o dalla religione;

● Ripartire dalle periferie: mettere in atto un urgente e serio programma d'intervento, di formazione e di cultura nelle periferie, scuole, parrocchie, consultori, ambulatori, stadi e centri di aggregazione. In altri termini bisogna ripensare al controllo del territorio con una visione di prevenzione e tutela ex ante/ex post;

● Coinvolgimento dei cittadini: il Comune di Milano deve ripensare a sottoscrivere i “Patti di controllo di vicinato” uno strumento utile per coinvolgere, in modo corretto, i Cittadini sul tema concreto e trasversale della sicurezza;

●  Cooperative Taxi: se parzialmente sovvenzionati dal Comune, potrebbero inserire su tutte le macchine delle telecamere collegate alle centrali operative di polizia (considerate che soprattutto di notte ci sono più taxi che auto delle forze dell’ordine e inoltre coprono da Linate a Malpensa)

●  ASCOM (Associazioni Commercianti di Zona): sostenendoli con contributi comunali, invitarli a tenere accese le insegne dei negozi quale forte deterrente alla microcriminalità.

● Mappatura della città: la sicurezza è attenzione ai luoghi ed alle persone. Si proceda, quindi, con proposte e progetti su specifici contesti, ad esempio rigenerazione di luoghi abbandonati coinvolgendo i Cittadini, l’abbandono di rifiuti su aree pubbliche ecc..

 

Ritenevamo e continuiamo a credere che un dibattito allargato su questi argomenti possa essere un piccolo ma costruttivo passo verso la comprensione dell’ampiezza del problema e, conseguentemente, quali possono essere le soluzioni efficaci.

Come sempre sul problema sicurezza, così come su tutti gli altri problemi della “nostra” Milano e della Città Metropolitana, Piattaforma Milano c’è e vuole essere presenza attiva sulle proposte utili per il bene della città e dei suoi cittadini.

 

Piattaforma Milano

 

 

Per contatti e informazioni: info@piattaformamilano.it

 

DALLA PROTESTA ALLA PROPOSTA | Adventus News

Matteo Dall'Osso

LAVORATORI FRAGILI, SCADUTE LE TUTELE E SPARITI GLI EMENDAMENTI: IL GIALLO DEI DECRETI AIUTI E SEMPLIFICAZIONI

La nostra "battaglia sulle norme" che tutelano i lavoratori fragili va avanti, cittadini che chiedono di poter vivere con serenità la loro professione e la loro vita. Ascoltiamo Matteo Dall’Osso, Deputato di Forza Italia.
di Rosanna Favulli

Matteo Dall’Osso (profilo Instagram), deputato di Forza Italia, conosce sulla propria pelle ...

#MILANO: #MILANOBELLADADIO

Quando un Social diventa opinione e sensibilizza i cittadini milanesi invitandoli ad aprire gli occhi sul bello e sul brutto della loro città
di Rosanna Favulli

@Milanobelladadio è una pagina Instagram con quasi 100.000 follower; è presente anche ...

OROSCOPO AGOSTO 2022

Le carte di Agosto: XXI Il Mondo – XVI LaTorre – Il Matto – XIV La Temperanza XXIII Caos – IV Sensualità Intima Ta Ciuang (La potenza del Grande) – U (L'Entusiasmo)
di Mariella Pezzoli

Un Agosto focoso carico di tensioni, dove non mancheranno scontri e confronti duri. Fate attenzione ...

COS’È IL ROSATELLUM E COME FUNZIONA LA NOSTRA LEGGE ELETTORALE

Semplice vademecum della legge elettorale oggi in vigore nella Repubblica Italiana
di Mario Morandi

Legge Rosato: come funziona la nostra legge elettorale è qual è la differenza tra il ...

Cronaca dell’epilogo estivo del Governo italiano

Dalla parte della memoria storica
di Bobo Craxi

Dicevano i latini: “rogare licitum est respondere humanitas”. Queste forze politiche ...